Loading...

Mercoledì culturali

Dal novembre 1993 nella parrocchia di S. Anna, nella Sala del Buon Consiglio, si tengono gli incontri dei “Mercoledì culturali”, voluti dall’allora parroco P. Gioele Schiavella con la preziosa collaborazione della professoressa Maria Giudici De Marinis, che ha dato la sua disponibilità per l’attuazione di questo progetto e che ancora oggi organizza e segue personalmente tutte le attività formative e la preparazione dei programmi.

Le prime conferenze hanno riscosso molto successo e da due al mese sono diventate 26 o 27 l’anno, dal primo mercoledì di Novembre all'ultimo del mese di Maggio. Le conferenze trattano vari argomenti

• di carattere culturale: letteratura, filosofia, storia, arte, archeologia, scienza;
• di carattere religioso: studio della Bibbia, conoscenza di Ordini e Congregazioni religiose, agiografia dei Santi, itinerari Paolini;
• di carattere sociale: problemi dei niños de rua brasiliani e dei paesi sottosviluppati, delle gravi malattie che colpiscono i bambini del terzo mondo, della povertà delle famiglie nel Perù e nei vari paesi ancora in via di sviluppo.

Un notevole gruppo di professionisti, professori, medici, ingegneri e religiosi di ogni ordine e grado hanno dato la loro disponibilità per cui possiamo contare su un’offerta di animazione culturale di alto livello. Alla Cultura si è aggiunta l'Amicizia tanto che i partecipanti (anche persone di età avanzata, pensionati vaticani, della scuola, di ministeri vari, con il comune interesse della cultura), hanno cominciato a frequentarsi anche al di fuori della Sala del Buon Consiglio dando origine a rapporti nuovi di solidarietà e affetto.

In questi anni l’attività è stata incoraggiata e sostenuta grazie alla benedizione del Papa Giovanni Paolo II, di Papa Benedetto XVI, del Cardinale Virgilio Noè, allora Vicario di Sua Santità per la Città del Vaticano, del Cardinale Francesco Marchisano, suo successore, ed oggi del Cardinale Angelo Comastri.

L'attuale Parroco, P. Bruno Silvestrini, grazie all’uso dei mezzi tecnologici (sistemi computerizzati,  video proiezione, internet ecc.) ha dato un’ulteriore spinta alla diffusione di tutte le attività.